25 aprile, Mattarella apre le celebrazioni: “Tenere viva la memoria”

Il 25 aprile è una delle celebrazioni più sentite dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. In occasione della Festa della Liberazione, il Capo dello Stato alle 9 si recherà all’Altare della Patria per deporre con Giorgia Meloni e i presidenti di camera e senato una corona d’alloro. Poi si sposterà a Cuneo per onorare il capo partigiano 38enne Duccio Galimberti, assassinato dai fascisti.

Già ieri però il Presidente della Repubblica nel corso dell’incontro al Quirinale con una rappresentanza delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, ha voluto ricordare coloro che hanno combattuto per la liberazione dell’Italia: “Tener viva la memoria di un periodo tra i più drammatici della nostra storia contribuendo in ampia misura a far conoscere e non dimenticare quanti hanno lottato per la difesa degli ideali di indipendenza e di libertà che permisero la liberazione dell’Italia dall’oppressione nazi-fascista“. 

Il 25 aprile, quest’anno, con il governo di centro-destra, porta alla luce delle antiche lacerazioni politiche. Il Presidente del Senato Ignazio La Russa, oggi lontano dall’Italia, volerà a Praga in occasione delle celebrazioni per rendere onore a Jan Palach, il giovane cecoslovacco diventato simbolo dell’anti-comunismo perché il 16 gennaio 1969 si suicidò dandosi fuoco per protestare contro l’invasione sovietica proprio in piazza san Venceslao dove il presidente del Senato depositerà una corona. La Russa a Praga visiterà inoltre anche il campo di concentramento di Theresienstadt.

Fa riflettere il messaggio di Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, che è ancora ricoverato al policlinico Gemelli: “Noi siamo un grande popolo, capace di rimanere unito di fronte alle emergenze e che, all’occorrenza è capace di superare ogni divisione e ogni contrasto per conseguire il bene dell’Italia e degli italiani“.

Questo è un patrimonio, un principio fondante della nostra convivenza civile. L’anniversario del 25 aprile è dunque l’occasione per riflettere sul passato, ma anche per ragionare sul presente e sull’avvenire di questo nostro meraviglioso Paese. E dunque: Viva il 25 aprile, la festa della libertà, della pace e della democrazia. La festa di tutti gli italiani che amano la libertà e vogliono restare liberi!“.

 

SscNapoli

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Amedeo Mangone: “Di Francesco ha grandi idee, merita una grande squadra”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giovanni Marchese: “Conte è un allenatore duro, una volta venne al campo col megafono…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto il direttore Giuseppe Cannella: “De Laurentiis pensava che sostituire Spalletti fosse semplice....

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto David Giubilato: “Quest’anno il Napoli è stato caratterizzato da un concentrato di...

Bradisismo, trema ancora la terra in Campania

Il territorio dei Campi Flegrei trema ancora. Nelle ultime 24 ore sono state registrate ben 54 scosse di terremoto in tutta la zona Flegrea,...