Antonio Imbroglia: “Il Napoli aveva in testa Traorè da tempo. Vi dico l’unico difetto di Hamed…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonino Imbroglia, ex agente di Hamed Traorè:

“Traorè è eclettico, credo giochi meglio sulla fascia sinistra del campo. Può fare tante cose: l’interno, il sinistro, è molto simile a Zielinski perché è completo e sa ricoprire diversi ruoli. Junior però, come lo chiamo io, deve essere convinto di quello che fa. Se sente di più una zona del campo, è testardo nell’ accettare cambiamenti. Ha qualità per giocare anche a 2 in mezzo al campo, può essere impiegato ovunque. In passato ha rifiutato di fare il terzo offensivo. Non è che lui soffre il cambiamento a livello mentale, lo soffre a livello di squadra. Se in quel momento, in quel periodo ha fatto bene nel 4-3-3 esterno a sinistra alto, se gli cambi di posizione e gli fai fare l’interno, la mastica male. È l’unico difetto che conosco di lui. Se è convinto di fare il terzo alto lo fa con piacere, altrimenti mastica a fatica il cambio.

 

Ho ricevuto una telefonata da De Laurentiis quando ero ancora agente del ragazzo, una lunga telefonata, l’estate prima dello scudetto, dove il presidente mi chiedeva notizie del giocatore. Poi, non so come è finita tra Napoli e Sassuolo, ma quando ha saputo dell’ingaggio che Traorè percepiva al Sassuolo e quanto era costato al club che lo pagò 16 milioni più bonus, l’ho sentito più freddo. Il Napoli però, nella persona di De Laurentiis, l’ha sempre apprezzato: il club aveva Traorè in testa già da tempo.

A parte Spalletti e Kim, il Napoli è lo stesso dell’anno scorso, non ci sono stati tanti cambiamenti e quindi mi sembra che l’organico sia in linea con quello che ha fatto l’anno scorso e con quello che sta facendo l’Inter. Capire quello che è successo a Napoli non si può, bisognerebbe avere studi importanti che io non ho, non ne capisco la ragione, ma è incredibile che il Napoli abbia un punteggio così scarso. Penso ad un finale di campionato assolutamente diverso perchè poi dare la colpa sempre agli allenatori è troppo facile.

 

La panchina azzurra? O prendi e quindi anticipi di qualche mese l’allenatore che guiderà la squadra in futuro, oppure si deve continuare con Mazzarri. Ho anche giocato con Walter, lo stimo molto, ma capirei la scelta di mandarlo via solo se arrivasse il prossimo allenatore del Napoli. Cambiare tanto per cambiare non serve, si fanno solo guai. Mazzarri conosce la città, la tifoseria, il presidente e tutto quello che un altro allenatore capirebbe in almeno 2 mesi. La squadra ha un livello tecnico tra il terzo/secondo posto e quindi i giocatori devono abbracciarsi, piangere e capire cosa fare. Conta lo spogliatoio e contano i giocatori perchè poi se quelli più importanti si mettono insieme ad aiutare allenatore e staff, il Napoli ne vince anche 10 di fila. Stesso discorso vale per la Champions: con l’organico che ha, il Napoli può giocarsela a viso aperto”.

SscNapoli

Bianchini: «Napoli Summer Pass disponibile su OneFootball fino a venerdì»

Oggi a Crc, nel corso della trasmissione In ritiro...

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Bianchini: «Napoli Summer Pass disponibile su OneFootball fino a venerdì»

Oggi a Crc, nel corso della trasmissione In ritiro con te di Marco Giordano e Umberto Chiariello, è intervenuto il chief revenue officer della...

Tragedia in Irpinia, quattro giovani vittime di un incidente stradale

Un grave incidente stradale si è verificato poco dopo la mezzanotte della notte scorsa sulla SS 90 di Via Nazionale delle Puglie nel territorio...

Rissa violenta nel napoletano, 15enne ferito gravemente

Un 15enne è stato ferito gravemente da un suo coetaneo poco dopo le 23 di ieri. La scena è avvenuta in via Aldo Moro,...