Droga e cellulari in carcere a Poggioreale: otto arresti

Otto persone sono state arrestate con l’accusa di far parte di un’organizzazione che riforniva di droga e cellulari i reclusi nel carcere di Poggioreale. Nell’elenco figura anche Pietro Ioia, garante dei diritti dei detenuti del Comune di Napoli: secondo gli inquirenti, avrebbe approfittato della sua posizione per effettuare le consegne dietro compenso.

Le indagini sono iniziate nel giugno 2021 e hanno consentito di ricostruire tutta l’attività del sodalizio: una donna sarebbe stata il tramite tra la banda e Ioia, che, secondo gli inquirenti, riceveva da lei hashish, cocaina e telefonini e poi, durante i colloqui a Poggioreale, li recapitava ai detenuti addetti alla vendita illegale all’interno del penitenziario. Un giro da diverse migliaia di euro, che una volta incassati sarebbero stati versati su alcune carte ricaricabili nella disponibilità della donna e quindi divisi tra tutti i componenti della presunta organizzazione.

Questo l’esito del lavoro investigativo svolto dai carabinieri di Castello di Cisterna e coordinato dalla Procura di Napoli, che per gli otto indagati ha chiesto e ottenuto gip del Tribunale altrettante ordinanze di custodia cautelare, sei in carcere e due ai domiciliari.

 

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Investita e uccisa in mare a Napoli, al via l’esame autoptico

E' stato conferito e sta per prendere il via l'esame autoptico sulla salma di Cristina Frazzica, la ricercatrice 31enne deceduta dopo essere stata investita...

Le mani della camorra sull’ospedale San Giovanni Bosco

Il clan Contini controllava l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. È la conclusione cui è approdata l’inchiesta della Procura partenopea sfociata nel blitz dei...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...