Droga, sgominato cartello mondiale gestito da Imperiale

Uno dei cartelli della droga più potenti al mondo è stato smantellato dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Le manette sono scattate ai polsi di 28 persone coinvolte a vario titolo nel traffico internazionale, gestito, secondo gli inquirenti, principalmente da Raffaele Imperiale, originario di Castellammare di Stabia, arrestato nell’agosto 2021 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Nello stesso Paese aveva trascorso una parte della sua ventennale latitanza Bruno Carbone, il narcos catturato a marzo in Siria da una milizia armata una volta vicina ad Al Qaida e poi consegnato alle autorità della Turchia, da dove è stato poi estradato in Italia. Secondo gli investigatori, Imperiale e Carbone erano amici e soci in affari. Affari milionari, che consentivano al boss stabiese di condurre uno stile di vita da nababbo.

L’organizzazione acquistava dal Centro e Sud America gli stupefacenti, soprattutto cocaina, che all’interno di container che trasportavano frutta venivano introdotti in Europa. Qui, poi, camioninisti compiacenti prendevano in carico la roba e la trasportavano in depositi disseminati tra Calabria, Campania, Lazio ed Emilia Romagna.

 

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Investita e uccisa in mare a Napoli, al via l’esame autoptico

E' stato conferito e sta per prendere il via l'esame autoptico sulla salma di Cristina Frazzica, la ricercatrice 31enne deceduta dopo essere stata investita...

Le mani della camorra sull’ospedale San Giovanni Bosco

Il clan Contini controllava l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. È la conclusione cui è approdata l’inchiesta della Procura partenopea sfociata nel blitz dei...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...