Energia, bollette triplicate: senza aiuti case di cura chiuderanno

Costi triplicati in bolletta per colpa del caro energia. Imprese allo stremo, rischiano di collassare. Dal comparto sociosanitario arriva un autentico grido d’allarme: migliaia di posti di lavoro sono appesi a un filo e per evitare il peggio si deve intervenire subito.

“Il caro energia ha ormai assunto l’aspetto di un’emergenza a tutti gli effetti, anche per il settore sociosanitario. Un settore che facendosi carico di pazienti anziani e fragili deve mantenere uno standard di prestazioni e servizi costante, efficiente e di grande qualità”. Così Luca Pallavicini, presidente nazionale di Confcommercio Salute, organizzazione che rappresenta circa tremila realtà del comparto, per un totale di oltre 33mila dipendenti.

“A ridosso dell’ultimo quadrimestre dell’anno – spiega Pallavicini in un intervento telefonico durante il The Anchorman Show di Salvatore Calise in onda su Crc – registriamo aumenti consistenti delle utenze energetiche. Nella maggior parte dei casi i costi sono raddoppiati, ma in qualche caso sono addirittura triplicati. Questo ha aggravato un quadro già appesantito dal rincaro di altre voci come la ristorazione e la lavanderia”.

Una stangata che proprio non ci voleva, perdipiù giunta al termine di un biennio difficile, caratterizzato dalle perdite provocate dalla pandemia e soltanto in parte compensate dagli aiuti statali. “Aiuti che oggi riguardano soltanto le imprese energivore e che invece tagliano fuori quelle sociosanitarie”, denuncia Pallavicini, che non ha dubbi: “Se non si prendono subito provvedimenti, diverse realtà chiuderanno, o gli standard assistenziali peggioreranno”.

Di qui l’appello di Confcommercio Salute al futuro governo: “Abbattere, almeno fino a fine anno, le aliquote sull’energia elettrica al 10% come per il gas, soprattutto in vista della stagione invernale. E – sottolinea Pallavicini – avviare un percorso che tuteli il privato accreditato di qualità. Assistere le persone in maniera adeguata è e deve restare la mission primaria: per farlo occore una progettazione sinergica a tutela di pazienti, famiglie e operatori virtuosi”.

In altre parole, “stoppare il proliferare di un mondo collaterale di strutture a basso costo e senza garanzie di qualità, che hanno inquinato l’intero settore. E, di contro, valorizzare chi investe in qualità e in sicurezza”: la ricetta per uscire dalla crisi.

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Investita e uccisa in mare a Napoli, al via l’esame autoptico

E' stato conferito e sta per prendere il via l'esame autoptico sulla salma di Cristina Frazzica, la ricercatrice 31enne deceduta dopo essere stata investita...

Le mani della camorra sull’ospedale San Giovanni Bosco

Il clan Contini controllava l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. È la conclusione cui è approdata l’inchiesta della Procura partenopea sfociata nel blitz dei...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...