Faida di Scampia, 5 misure cautelari: tra questi anche Marco Di Lauro, già detenuto

Secondigliano, 5 misure cautelari per affiliati al clan Di Lauro per l’omicidio di Eugenio Nardi. Un omicidio come ritorsione nei confronti di un clan che si era alleato con i ‘traditori’ della cosca.

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno dato esecuzione a una misura cautelare personale a carico dei 5 indagati, affiliati al clan Di Lauro, con roccaforte nel quartiere di Secondigliano.

Identificati i mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio di Eugenio Nardi, affiliato ai Sacco-Bocchetti, ucciso a Napoli il 4 gennaio 2008.

Omicidio in faida di Scampia: 5 misure cautelari per affiliati al clan Di Lauro

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno dato esecuzione alla misura cautelare personale, emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Le indagini, condotte dal citato Nucleo Investigativo a riscontro delle dichiarazioni rese da più collaboratori di giustizia, hanno consentito di identificare mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio di Eugenio Nardi.

L’omicidio è da inquadrarsi nell’ambito della contrapposizione armata tra i clan Di Lauro ed i cosiddetti scissionisti, cui i Sacco Bocchetti si erano da poco alleati, e – in particolare – quale ritorsione rispetto ad un tentativo di omicidio di un affiliato al clan Di Lauro ad opera dello stesso Nardi.

Tra le persone colpite dai provvedimenti, eseguiti dai carabinieri del nucleo investigativo di Napoli, figura anche Marco Di Lauro, il boss arrestato nel 2019 dopo 14 anni di latitanza. Anche gli altri quattro arrestati, ritenuti mandanti o esecutori del delitto, sono già detenuti.

SscNapoli

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Amedeo Mangone: “Di Francesco ha grandi idee, merita una grande squadra”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giovanni Marchese: “Conte è un allenatore duro, una volta venne al campo col megafono…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto il direttore Giuseppe Cannella: “De Laurentiis pensava che sostituire Spalletti fosse semplice....

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto David Giubilato: “Quest’anno il Napoli è stato caratterizzato da un concentrato di...

Bradisismo, trema ancora la terra in Campania

Il territorio dei Campi Flegrei trema ancora. Nelle ultime 24 ore sono state registrate ben 54 scosse di terremoto in tutta la zona Flegrea,...