Gyorgy Garics: “Caso Acerbi? Servono leggi chiare e punizioni pesanti!”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Gyorgy Garics, doppio ex Napoli-Atalanta:

“Napoli-Atalanta? Con le assenze ci perde di più l’Atalanta, ovviamente perde tantissimo anche il Napoli con Kvaratskhelia. Il Napoli vive una situazione a cui ormai non era più abituata da anni. Tutto questo per assurdo l’anno dopo lo scudetto vinto. Anche questo fa parte del calcio, dopo un’annata favolosa ci si può trovare in situazioni del genere. Può essere un fattore di crescita per tutti. Era in continua crescita il percorso del Napoli su e un livello altissimo.

Con l’Atalanta è l’ultima possibilità per cercare di riagganciarsi e provare a raggiungere la Champions League a fine stagione. Il Napoli per me è un fallimento a tutti gli effetti se non arriva almeno in Europa.

 

 

Il caso Juan Jesus-Acerbi? Secondo il mio punto di vista è un discorso molto delicato, ma è un discorso anche molto strumentalizzato. Io vengo da ex calciatore da momenti così vissuti. Nei tempi precedenti, se torniamo indietro di 30/40 anni fa, nel calcio ci sono stati episodi ancora più brutti ma non ne siamo a conoscenza perché non c’erano tutte queste telecamere. Sono episodi che ci sono sempre stati nel calcio, vogliamo accettarlo o no, ci saranno sempre questi episodi qua. Però questo non significa che un’espressione rubata nel momento, sia un’espressione necessariamente razzista. Non voglio giustificare uno e difendere l’altro. A chi non è capitato in macchina nel traffico a dire una parola fuori posto. Tutti abbiamo fatto una cosa del genere, ma ciò non significa che uno sia razzista. Si fa fatica a pensare ad una cosa amichevole tra Juan Jesus ed Acerbi, però quando sei in campo e vieni ripreso e dici cose del genere, sai che viene fuori un caso che toglie valore al calcio.

 

Quella che Juan Jesus dice abbia esclamato Acerbi è un’espressione da condannare a tutti gli effetti. Bisogna sempre rimanere uomini e bisogna sempre cercare di mantenere il valore che uno ha ricevuto o che avrebbe dovuto ricevere. Sicuramente è una cosa bruttissima. Se non abbiamo le prove al 100% di quello che ha detto, purtroppo parliamo di una cosa non verificabile al 100%.

Anche io sono stato minacciato o menato dopo qualche partita. L’unica cosa giusta sarebbe utilizzare questi casi per mettere in ordine la cosa, così da avere in futuro tutto chiaro per chiunque lo faccia, che sia uguale per tutti. È un po’ il problema nel mondo e permettetemi di dire, in Italia, dove mancano le conseguenze che non sono mai così pesanti da fungere da deterrente.

La chiave per tutto questo è leggi chiare e punizioni pesanti che fungono da deterrente”.

SscNapoli

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Amedeo Mangone: “Di Francesco ha grandi idee, merita una grande squadra”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giovanni Marchese: “Conte è un allenatore duro, una volta venne al campo col megafono…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto il direttore Giuseppe Cannella: “De Laurentiis pensava che sostituire Spalletti fosse semplice....

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto David Giubilato: “Quest’anno il Napoli è stato caratterizzato da un concentrato di...

Bradisismo, trema ancora la terra in Campania

Il territorio dei Campi Flegrei trema ancora. Nelle ultime 24 ore sono state registrate ben 54 scosse di terremoto in tutta la zona Flegrea,...