Il Professore Troncone riceve un prestigioso premio per i suoi studi

Un altro prestigioso riconoscimento per la comunità scientifica napoletana. Il Professor Riccardo Troncone, ordinario di Pediatria presso il Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali dell’Università Federico II, è stato premiato dalla Celiac Disease Foundation per i suoi studi eccellenti sulla malattia celiaca.

“Il riconoscimento, che ogni anno premia a livello globale ricercatori che si sono distinti per il loro contributo allo studio e alla cura della malattia celiaca, è stato attribuito per gli studi condotti dal professor Troncone” così si legge in un comunicato, pubblicato dall’Università Federico II “in particolare sulla definizione della celiachia “potenziale” e sulla prevenzione di questa condizione a così elevata diffusione nella popolazione generale”.

“Questo riconoscimento vuole premiare la qualità della ricerca prodotta, in particolare sulle possibili strategie di prevenzione della malattia celiaca, una delle condizioni a più alta prevalenza nella nostra popolazione e testimonia la posizione di preminenza a livello globale che l’Università Federico II mantiene in questo specifico ambito di ricerca”.

“Il professor Troncone è Direttore del “Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte dagli Alimenti”. Ex presidente della Società internazionale per lo studio della malattia celiaca (ISSCD) e della Società europea di gastroenterologia, epatologia e nutrizione pediatrica (ESPGHAN), è editore associato del Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition (JPGN). Nell’ultimo decennio il suo interesse si è concentrato principalmente sulla potenziale malattia celiaca con la creazione di un’ampia coorte di pazienti che ha permesso la definizione della storia naturale della condizione, inclusi biomarcatori che ne predicono l’evoluzione, e dei meccanismi che portano all’atrofia dei villi. L’altro ambito è stato quello della prevenzione: è stato co-presidente del progetto preventCD, il primo tentativo di prevenire la celiachia nei neonati a rischio attraverso l’induzione della tolleranza. Tale coorte ha consentito inoltre l’identificazione di fattori di rischio e di biomarcatori predittivi, nonché la definizione della storia naturale della malattia celiaca”.

 

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...

In fin di vita il giovane pugnalato, fermato un sedicenne

Ha soltanto 16 anni ed è incensurato il presunto responsabile del ferimento del ventenne di Tufino, accoltellato nella notte tra domenica e lunedì in...

Europee: in Campania Pd primo partito, seguono Fdi e M5s

A spoglio quasi concluso nei territori del Sud (14.990 sezioni scrutinate su 14.992), il primato delle Europee va al Partito democratico, che si attesta...