Interventi alla prostata e rene senza incisioni, Pascale capofila per il robot da Vinci monoportale

Ancora una volta Napoli anticipa il futuro della sanità in Italia. L’Istituto dei tumori Pascale si conferma come centro di eccellenza, diventando il primo ospedale italiano ad utilizzare l’ultima generazione di robot chirurgico monoportale.

Il nuovo dispositivo, inaugurato questa mattina, alla presenza del Governatore Vincenzo De Luca,  va a completare la quarta generazione da Vinci, che include i sistemi robotici Multiport X e XI, offrendo al chirurgo l’opportunità di trattare un maggior numero di pazienti, con un approccio più appropriato in base alle caratteristiche personali e riducendo i processi infiammatori derivanti dalle incisioni chirurgiche. Provvisto di un unico braccio robotico, il nuovo da Vinci offre al chirurgo la possibilità di eseguire complessi interventi robot assistiti attraverso un unico accesso, sfruttando potenzialmente gli orifizi naturali per raggiungere gli organi senza incidere la parete muscolare. Il robot da Vinci combina infatti un’avanzata tecnologia robotica con endoscopio flessibile che offre immagini 3D HD per vedere sopra, sotto e attorno alle strutture anatomiche durante la procedura; inoltre, la strumentazione evoluta consente sette gradi di mobilità aumentando la flessibilità e la capacità di manovra del chirurgo in misura maggiore rispetto alla mano umana, migliorando notevolmente la precisione dell’intervento.

Si inizia con gli interventi urologici per poi estenderli alle altre branche della chirurgia. Da domani e per i prossimi tre giorni l’equipe urologica, diretta di Sisto Perdonà, effettuerà quattro interventi di prostatectomia e altrettanti per la chirurgia del tumore del rene, tutti eseguiti attraverso un unico accesso.

“I vantaggi di questa tecnologia – dice Sisto Perdonà, direttore di dipartimento dell’Uro-Gin del Pascale – si aggiungono a quelli della chirurgia mininvasiva, offrendo ai pazienti un trattamento avanzato e meno invasivo. Sarà possibile infatti eseguire quest’intervento attraverso una sola piccola incisione sulla pancia del paziente garantendo un pronto recupero e una sempre più ridotta degenza ospedaliera, con importante impatto sulla spesa sanitaria nazionale”

L’avanzato sistema completa la quarta generazione del più evoluto robot chirurgico che quest’anno spegne 25 candeline e introduce un nuovo approccio che supera i limiti della chirurgia mininvasiva e amplia la complessità dei pazienti trattati.

Dal 1999, anno di arrivo del primo da Vinci in Italia, la chirurgia robotica ha compiuto un’importante evoluzione raggiungendo oggi 200 sistemi attivi in Italia in 168 strutture ospedaliere, di cui 130 solo nel sistema pubblico, e più di 300mila pazienti trattati, con una previsione di trattarne più di 50mila nel 2024. L’80% degli interventi in urologia, chirurgia generale e ginecologia e il restante 20% in chirurgia toracica, cardiochirurgia, otorinolaringoiatria e chirurgia pediatrica.

“Che il Pascale sia stato individuato quale primo centro per questa tecnologia particolarmente innovativa – dice il direttore generale dell’Irccs partenopeo  Attilio Bianchi -, che consentirà di trattare i primi pazienti italiani presso il nostro Istituto, sicuramente ci riempie di orgoglio e di stimoli, il nostro obiettivo è in ogni caso quello di garantire ai nostri pazienti tutto il valore incrementale di salute che l’innovazione riesce a generare. Cominceremo con l’urologia, poi via via estenderemo alle altre branche della chirurgia. Grazie a tutti quelli che ci hanno creduto, in un progetto che ancora 6 mesi fa sembrava un sogno”.

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...

In fin di vita il giovane pugnalato, fermato un sedicenne

Ha soltanto 16 anni ed è incensurato il presunto responsabile del ferimento del ventenne di Tufino, accoltellato nella notte tra domenica e lunedì in...

Europee: in Campania Pd primo partito, seguono Fdi e M5s

A spoglio quasi concluso nei territori del Sud (14.990 sezioni scrutinate su 14.992), il primato delle Europee va al Partito democratico, che si attesta...