La piccola Diana morta di stenti, rinviato il processo di Alessia Pifferi

Milano, l’udienza di Alessia Pifferi, accusata dell’omicidio pluriaggravato della figlia di 18 mesi Diana, morta di stenti, è stata rinviata. Il rinvio, davanti alla corte d’assise di Milano presieduta dal giudice Ilio Mannucci Pacini, si è reso necessario dopo il cambio di legali.

Ora il nuovo difensore è Alessia Pontenani che ha chiesto i termini a difesa, per poter affrontare un procedimento complesso e delicato. Per darle tempo di leggere gli atti, l’udienza è rimandata all’8 maggio.

La sorella di Alessia Pifferi e zia della piccola Diana sarà assistita dal legale Emanuele De Mitri del foro di Milano e si costituirà parte civile nel processo alla prossima udienza insieme alla madre delle due, Maria Alessandri.

La zia ha rilasciato alcune brevi dichiarazioni alla stampa: “Diana era la bimba più bella del mondo, non si meritava tutto questo, lei deve pagare per ciò che ha fatto. Deve pagare, Diana era una bambina che aveva diritto di vivere“, ha detto in lacrime. Indossava una maglia con la foto della bambina.

Morte della piccola Diana, udienza rinviata per il cambio di legali: la vicenda

La piccola Diana, di soli 18 mesi, era da sola nell’appartamento con cui viveva con la madre a Milano prima del sopraggiungere della morte di stenti. I Pm scrivono nell’imputazione: “La bambina era priva di assistenza e assolutamente incapace, per la tenerissima età, di badare a se stessa, senza peraltro generi alimentari sufficienti e in condizioni di palese ed evidente pericolo per la sua vita, pure legate alle alte temperature del periodo“.

Questo avrebbe causato nella piccola una disidratazione che le è stata fatale. Inizialmente, si è ipotizzato che la donna avesse somministrato qualche tipo di farmaco calmante alla bambina ma dagli esami tossicologici non ne è risultata alcuna traccia.

Alessia Pifferi, 37 anni, aveva raggiunto il suo compagno a Bergamo e aveva lasciato la piccola Diana da sola, senza cibo né acqua per sei giorni. Alla nonna e alla zia della bambina aveva detto che Diana si trovava con una babysitter.

 

 

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Investita e uccisa in mare a Napoli, al via l’esame autoptico

E' stato conferito e sta per prendere il via l'esame autoptico sulla salma di Cristina Frazzica, la ricercatrice 31enne deceduta dopo essere stata investita...

Le mani della camorra sull’ospedale San Giovanni Bosco

Il clan Contini controllava l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. È la conclusione cui è approdata l’inchiesta della Procura partenopea sfociata nel blitz dei...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...