Maltempo in Emilia Romagna, ancora allerta rossa: 9 morti e 14mila sfollati

Il maltempo in Emilia Romagna continua a mietere vittime: sale il bilancio dei morti per l’alluvione causata dalle piogge incessanti che hanno portato all’esondazione di 23 fiumi. Sono 9, per il momento le vittime accertate. Tre a Forlì, un uomo di 40 anni nel Bolognese, un uomo del Ravennate e quattro nel Cesenate.

Si tratta di un uomo anziano a Pontevecchio, morto per un malore, di un altro uomo che è stato travolto da una frana a Casale di Calinese e di una coppia di anziani. Il cadavere della 60enne è stato trovato ieri mattina sulla spiaggia di Cesenatico. Morto anche il marito, 70 anni. Erano usciti di casa per verificare le condizioni della loro azienda agricola e sono stati travolti dall’acqua.

Maltempo in Emilia Romagna, continua l’emergenza: devastate intere città

L’alluvione ha devastato intere città, con 23 fiumi esondati, 280 frane e oltre 400 strade interrotte. I comuni colpiti dall’alluvione sono 41 e oltre 14mila gli sfollati soprattutto dalle province di Bologna, Forlì-Cesena e Ravenna.

Frane, alberi che cadono sulle strade, persone rifugiate sul tetto che chiedono aiuto, anziani e bambini messi in salvo con i gommoni, strade completamente sommerse. Gli alberi secolari sradicati dal terreno e portati via dalla forza dell’acqua scrosciante. Alcune abitazioni sono completamente ricoperte dall’acqua, con soli i tetti che spuntano in superficie in mezzo alla melma.

In alcune zone è caduta in 36 ore più pioggia della media dell’intero mese di maggio. Sott’acqua Faenza, Cesena, Forlì, alcune zone del Ravennate oltre a comuni più piccoli e anche i portici della centrale via Saffi a Bologna sono stati inondati.

Black out elettrici, linee telefoniche fuori uso, treni in tilt: l’angoscia dei cittadini aumenta a causa dell’isolamento e dei disagi. La Romagna è sommersa, nelle operazioni di salvataggio impegnati 1200 volontari, gommoni, elicotteri, 600 vigili del fuoco. Previsto per martedì prossimo il Cdm che varerà provvedimenti a sostegno del territorio.

SscNapoli

Emanuele Belardi: “Manna? Fare il direttore a Lugano è diverso dal farlo a Napoli…”

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia...

Simone Pepe: “Chi prende Antonio Conte non sbaglia mai”

“Suggerimenti sul perché sarebbe giusto prendere Antonio Conte? Chi...

Mirko Valdifiori: “Calzona ci sta mettendo l’anima”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Ariedo Braida: “Non ho rapporti con De Laurentiis, ma se mi chiamasse…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Emanuele Belardi: “Manna? Fare il direttore a Lugano è diverso dal farlo a Napoli…”

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Emanuele Belardi, ex calciatore del Napoli: “Se Pioli è...

Simone Pepe: “Chi prende Antonio Conte non sbaglia mai”

“Suggerimenti sul perché sarebbe giusto prendere Antonio Conte? Chi prende Conte non sbaglia mai. È un super motivatore, è un super preparatore. È innovativo....

Nuova Cardio TC al Monaldi, esami più accurati in meno di un secondo

Una nuova tecnologia arricchisce le dotazioni dell’Azienda Ospedaliera dei Colli. È stata installata, presso l’Unità Operativa Complessa di Radiologia dell’Ospedale Monaldi di Napoli, diretta...