Ottavio Bianchi: “Il Napoli di quest’anno non guarda in faccia a nessuno”

Ottavio Bianchi, allenatore del primo storico scudetto del Napoli, è intervenuto a Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma: “I quarti di finale di Champions League contro un’italiana? Incontrando un’italiana pensi di sapere tutto. Non è che la sottovaluti, ma un pochino di leggerezza può capitare. Non sarà il caso del Napoli che quest’anno non guarda in faccia a nessuno. Quello che balza agli occhi è che ogni partita non c’è mai il peggiore in campo, lo zoccolo duro della squadra è sempre elevatissimo. La squadra è di grande levatura, entusiasmo, coesione, spirito di sacrificio. Sono sempre tutti in movimento, è veramente un bel vedere, ecco perché secondo me andrà molto avanti anche in Champions League.

Il Napoli quest’anno è lì. La squadra è formata dalla società, i dirigenti, i massaggiatori e tutto il resto. Ognuno sta facendo bene il proprio ruolo. Vedendo da fuori c’è proprio questa sintonia, è un’orchestra dove tutti suonano molto bene il proprio spartito. Continuano a migliorarsi. Ognuno sta facendo bene il suo mestiere. Hanno ceduto i 4 giocatori più importanti e hanno migliorato l’assetto tecnico. Per parlare del Napoli in questo momento bisognerebbe dire la grande bellezza.

Le squadre che inseguono in campionato? Al di là del Napoli che meglio di così non di può fare, anche le altre squadre peggio di così non possono fare. Non esiste una squadra che abbia mantenuto i propri programmi, tutte hanno un rendimento deficitario. Un divario del genere è veramente paradossale al di là della grandezza del Napoli. Una va al massimo, le altre vanno al minimo.

L’esperienza europea di Napoli e Milan? Questi sono discorsi vostri, io sono molto pragmatico. I giocatori migliori non vengono in Italia a giocare, la squadra messa meglio come organico è il Napoli. Analizziamo quello che è adesso il Napoli che ha un’elevatura completamente diversa.

Un azzurro nel mio Napoli? È un calcio diverso, sono passati tanti anni. Nello staff tecnico di una volta eravamo in tre, adesso sono tanti. Quando giocavo io non esistevano i procuratori, il contratto era annuale. Con l’avvento di internet è cambiato tutto. È come se si parlasse di un altro sport. Il mondo è completamente diverso.

Prima stavi attento ai giovani non si esagerava con i carichi di lavoro per evitare gli infortuni. Adesso cambiano 5 giocatori che è una squadra, un reparto intero.

Le parole di Spalletti? Il Napoli non ha bisogno delle famose tre C. Il Napoli è più bravo e questo è uno sport di squadra. Andando ad analizzare le varie epoche ognuno ha lasciato la sua impronta in quel momento. C’era la squadra olandese che non ha mai vinto niente, il Brasile ha vinto un sacco poi è andato in crisi. Sono tante le componenti e il calcio è lo specchio della vita che viviamo come diceva quel famoso francese. I giocatori sono delle aziende al giorno d’oggi”.

SscNapoli

Bianchini: «Napoli Summer Pass disponibile su OneFootball fino a venerdì»

Oggi a Crc, nel corso della trasmissione In ritiro...

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Bianchini: «Napoli Summer Pass disponibile su OneFootball fino a venerdì»

Oggi a Crc, nel corso della trasmissione In ritiro con te di Marco Giordano e Umberto Chiariello, è intervenuto il chief revenue officer della...

Tragedia in Irpinia, quattro giovani vittime di un incidente stradale

Un grave incidente stradale si è verificato poco dopo la mezzanotte della notte scorsa sulla SS 90 di Via Nazionale delle Puglie nel territorio...

Rissa violenta nel napoletano, 15enne ferito gravemente

Un 15enne è stato ferito gravemente da un suo coetaneo poco dopo le 23 di ieri. La scena è avvenuta in via Aldo Moro,...