Pascale, make-up in chemioterapia per San Valentino

Sorridere non è sempre semplice. Lo sanno bene le persone affette da malattie  che debilitano corpo e mente. Ed è per strappare un sorriso alle donne in attesa del loro turno per la chemioterapia che, stamattina, nel giorno, scelto non a caso, di San Valentino, al secondo piano dell’Istituto dei tumori di Napoli, è stata allestita una sala maquillage, dove le estetiste Ida Marseglia e Claudia Cannella hanno truccato, gratuitamente, una dozzina di pazienti, offerto loro Baci Perugina, donato palloncini a forma di cuore, foulard e fasce per coprire i pic, dato consigli su come trattare la pelle durante le chemio o come ridisegnarsi le sopracciglia cadute per colpa dei farmaci.

L’iniziativa ha riscosso grande successo.  “C’è un vissuto della propria femminilità e corporeità che va recuperato, questo è un servizio che aiuta le donne. Le pazienti stanno reagendo con un entusiasmo strepitoso. C’è chi ha deciso di farsi truccare e chi ha accettato soltanto i consigli su quali creme sono più adatte per coprire le macchie e le rughe, come nascondere l’invecchiamento precoce della pelle provocato dai medicinali”, dice Carmen Pacilio, senologa del team di Michelino De Laurentiis e promotrice del progetto, un progetto che ha come obiettivo quello di migliorare la qualità di vita dei pazienti  e che è stato possibile realizzare grazie a Anna Napolitano, paziente a sua volta della Pacilio, da sempre impegnata nel volontariato. “Ho lanciato l’idea mesi fa alla mia dottoressa che subito l’ha accolta. L’idea tiene conto della sensibilità e della voglia delle pazienti, spesso provate dal punto di vista sia fisico che psicologico, di sentirsi ancora donna e, quindi, di restituire un aspetto rassicurante nonostante la malattia”. Le estetiste sono state affiancate anche dalla kinesiologa, Loredana Loperco che ha insegnato tecniche di rilassamento e di respirazione.

Il compito dell’équipe stamattina si è spinto oltre il trucco, fino a svelare piccoli escamotage su come sistemarsi i foulard, le parrucche e i turbanti quando i capelli cadono e le sopracciglia diradano sotto l’effetto dei farmaci. “L’effetto camouflage – dicono le due estetiste – serve ad attenuare le occhiaie, a mitigare l’opacità della pelle che ha perso luminosità”. Per gli oncologi dell’Istituto il trucco assume valore anche per nascondere il proprio stato d’animo, la paura di non sentirsi più donna.

Obiettivo raggiunto se una delle pazienti truccata ha detto sorridendo:
“Così truccata non posso ritirarmi a casa, devo per forza trascinare mio marito a portarmi fuori”. Il prossimo appuntamento con il make up prima della chemio è fissato per l’8 marzo.

 

SscNapoli

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Amedeo Mangone: “Di Francesco ha grandi idee, merita una grande squadra”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giovanni Marchese: “Conte è un allenatore duro, una volta venne al campo col megafono…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto il direttore Giuseppe Cannella: “De Laurentiis pensava che sostituire Spalletti fosse semplice....

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto David Giubilato: “Quest’anno il Napoli è stato caratterizzato da un concentrato di...

Bradisismo, trema ancora la terra in Campania

Il territorio dei Campi Flegrei trema ancora. Nelle ultime 24 ore sono state registrate ben 54 scosse di terremoto in tutta la zona Flegrea,...