Piantedosi a Napoli: “Girare con le armi è cultura dell’arroganza”

“Tanti ragazzi esercitano ancora la cultura dell’arroganza, girando con le armi “, lo ha detto Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, oggi giunto a Napoli per prendere parte al seminario “Diritti e bisogni delle vittime di reato”, l’evento che ha concluso il ciclo di incontri “Per-corsi di in-formazione” promossa dalla Fondazione Pol.i.s.. L’incontro si è svolto nella biblioteca dedicata ad Annalisa Durante, vittima innocente della camorra, nel quartiere Forcella a Napoli, che Piantedosi ha definito “Luogo della mitezza”.
Il responsabile del Viminale ha ricordato che nel corso degli anni sono stati erogati 800 milioni di euro in favore dei familiari delle vittime di reato.
Durante la mattinata si è discusso anche della necessità di superare la distinzione tra le vittime innocenti della camorra e di reati comuni .Il Ministro ha accolto la proposta di istituire al ministero un tavolo di confronto su questo aspetto.

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

L’autonomia differenziata è legge: insorge il Sud

Con l’approvazione alla Camera dei deputati, l’autonomia differenziata delle Regioni fortemente voluta dal ministro leghista Roberto Calderoli è diventata legge. Adesso le Regioni potranno...

Bruciano i Camaldoli: paura a Soccavo, Eremo evacuato

Arriva l’afa e porta il primo vasto incendio a Napoli. Ma l’anticiclone africano Minosse, che da mercoledì si è impadronito dell’Italia facendo schizzare la...

Pascale, teleassistenza a caregiver per medicazioni a casa

Chi si ammala di tumore non deve fare i conti soltanto con il dolore fisico e psicologico. Chi si ammala di tumore deve lottare...