Pizzo a Caivano: in cella 14 affiliati al clan Angelino

Giro di vite sul clan Angelino di Caivano. Quattordici presunti affiliati alla cosca sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di altrettanti provvedimenti di custodia cautelare, tredici in carcere e uno ai domiciliari, emessi dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Sono accusati, a vario titolo, di reati che vanno dall’estorsione all’associazione camorristica. Al centro dell’inchiesta ci sono infatti le richieste di tangenti che il sodalizio malavitoso imponeva a imprenditori e commercianti di Caivano e dei comuni limitrofi. Richieste relative a un arco di tempo che va da maggio a novembre 2023, in cui ricadono i 36 episodi di estorsione o tentata estorsione documentati dai militari dell’Arma. Alcuni degli arrestati sono inoltre ritenuti responsabili di avere favorito la latitanza del capo del gruppo criminale, Antonio Angelino, detto Tibiuccio, catturato il 9 luglio 2023. Tra questi figura anche un 56enne agente della polizia locale di San Cipriano d’Aversa, in provincia di Caserta, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa: sarebbe stato lui, padre del fidanzato di una nipote del boss, a prendere in affitto la villetta di Castelvolturno, dove Angelino trascorse la sua latitanza. Dello stesso reato è accusato anche il figlio del vigile urbano. “È l’ennesimo colpo inferto dalle forze dell’ordine alla criminalità organizzata e, in particolare, al clan di Caivano”ha commentato il presidente della Commissione antimafia, Chiara Colosimo, che ha ringraziato “la Dda di Napoli e i carabinieri del nucleo investigativo del gruppo di Castello di Cisterna per questa brillante operazione. Un bel segnale di speranza e fiducia per quel territorio da troppo tempo in ostaggio della camorra”.

 

SscNapoli

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Amedeo Mangone: “Di Francesco ha grandi idee, merita una grande squadra”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giovanni Marchese: “Conte è un allenatore duro, una volta venne al campo col megafono…”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di...

Giuseppe Cannella: “Il Napoli deve ripartire affidandosi all’allenatore giusto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto il direttore Giuseppe Cannella: “De Laurentiis pensava che sostituire Spalletti fosse semplice....

David Giubilato: “Napoli svuotato, senza reazione”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto David Giubilato: “Quest’anno il Napoli è stato caratterizzato da un concentrato di...

Bradisismo, trema ancora la terra in Campania

Il territorio dei Campi Flegrei trema ancora. Nelle ultime 24 ore sono state registrate ben 54 scosse di terremoto in tutta la zona Flegrea,...