Smog alle stelle, gli ambientalisti rivogliono la Ztl

Legambiente chiede a gran voce il ripristino della Zona a traffico limitato in piazza Dante. Al suo fianco associazioni, studenti e cittadini, che hanno risposto presente alla chiamata della onlus, aderendo al flash mob organizzato per denunciare la cattiva qualità dell’aria a Napoli. Qui, secondo Legambiente, in dieci anni il livello di concentrazione nell’atmosfera di polveri sottili è sceso soltanto del 2% e quello di biossido di azoto del 4%. Dunque, va fatto di più. A cominciare da una politica di riduzione del traffico privato, che non può non passare anche dal ritorno alla Ztl all’ombra del “Sommo Poeta”.

“Piazza Dante è uno dei luoghi di maggiore afflusso di auto della città – commenta Paola Silvi, responsabile del circolo Legambiente Parco Letterario Vesuvio – Proprio qui, nonostante la volontà contraria espressa da comitati civici e associazioni, il Comune ha di recente sospeso la Ztl con una decisione che è antistorica, in controtendenza rispetto a quanto si è fatto e si sta facendo in altre città italiane ed europee. È l’ora di scelte coraggiose”, conclude la responsabile del circolo ambientalista, che dice no a nuovi parcheggi in centro e sì a parcheggi di interscambio in periferia; che invoca nuove aree pedonali, nuove piste ciclabili; e rivendica un trasporto pubblico più efficiente.

 

SscNapoli

Luigi De Magistris: “Mi auguro resti a Napoli solo chi è orgoglioso di indossare la maglia azzurra!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Silvio Vieira: “Gyokeres è simile a Osimhen e ha voglia di vincere come Conte”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Pierpaolo Marino: “L’arrivo di Antonio Conte è una svolta epocale per il Napoli!”

Nel corso della trasmissione “Calciomania” di Massimo D’Alessandro è...

Investita e uccisa in mare a Napoli, al via l’esame autoptico

E' stato conferito e sta per prendere il via l'esame autoptico sulla salma di Cristina Frazzica, la ricercatrice 31enne deceduta dopo essere stata investita...

Le mani della camorra sull’ospedale San Giovanni Bosco

Il clan Contini controllava l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. È la conclusione cui è approdata l’inchiesta della Procura partenopea sfociata nel blitz dei...

Formazione, laureandi da tutto il mondo al Pascale

Stanno arrivando alla spicciolata dal 3 giugno, sono i primi 14 laureandi in medicina provenienti da ogni parte del mondo e che al Pascale...